RELAZIONE 1° CONGRESSO NAZIONALE DI NEFROLOGIA

L’incontro nefrologico dell’11 ottobre 2008 promosso dall’APPED a Pordenone intitolato “La ricerca scientifica e l’attività fisica e sportiva per la qualità della vita nel nefropatico, nel dializzato e nel trapiantato renale” ha conseguito una serie di risultati che sono andati oltre le aspettative.

1. la partecipazione non solo di operatori del settore, ma anche diversi nefropatici e familiari ha contribuito a sviluppare anche l’aspetto turistico dell’iniziativa.

2. La capacità dei relatori di trattare in maniera comprensibile anche per i non addetti, temi squisitamente tecnici, tanto da permettere di partecipare attivamente alla discussione anche i nefropatici ed i loro parenti.

3. La trattazione di temi abitualmente non trattati in altri congressi scientifici, quali la qualità della vita dei malati affetti da malattie renali croniche e gli effetti dell’attività fisica agonistica in un soggetto con grave riduzione della funzione renale, sono stati molto apprezzati dai partecipanti.

4. La grande soddisfazione espressa dai relatori e dai partecipanti agli organizzatori, per l’interesse culturale ed umano dell’appuntamento, che ha previsto nel programma oltre gli aspetti scientifici anche una breve cronistoria dell’APPED.

5. La grande informalità e disponibilità dei relatori, che ha permesso a tutti i partecipanti di proseguire la discussione sui temi trattati, anche al di fuori del momento ufficiale in aula, durante gli intervalli e nella pausa pranzo.

6. Il grande apprezzamento da parte dei relatori esterni (2 Professori Americani e 7 Direttori di Cattedre Universitarie o di Strutture Complesse Ospedaliere) per l’opera di questa Associazione di volontariato capace di organizzare e gestire eventi complessi come un incontro di questa portata.

7. L’attivazione di un programma di ricerca congiunto tra la struttura di Nefrologia e Dialisi di Pordenone e la Division of Nephrology della George Washington University di Washington USA, per l’approfondimento di alcuni aspetti peculiari relativi alla qualità di vita dei nefropatici a differenti stadi di evoluzione della malattia ed in differenti modalità di trattamento.

8. L’attivazione di un programma congiunto tra la Nefrologia e Dialisi di Pordenone ed il Assistant Professor of Radiology, Case Western Reserve University.di Cleveland USA, sulla diagnostica per immagini nelle nefropatie.

9. L’attivazione di un programma di ricerca congiunto tra la struttura di Nefrologia e Dialisi di Pordenone e la facoltà di scienze motorie dell’Università di Udine per studiare gli effetti nei nefropatici in terapia sostitutiva dell’attività fisica.

10. Oltre a ciò l’associazione ha promosso con i partecipanti, in particolare con i sig. Medici di oltre oceano, ed i medici di altre Regioni d’Italia una campagna di sensibilizzazione e di ospitalità come dal logo

11. Per questi, che credo essere i motivi principali e molti altri di minor rilevanza, che non sto ad elencare, ritengo che l’esperienza debba essere considerata estremamente positiva e meritoria di essere riproposta in futuro, anche con obiettivi più ambiziosi di quelli che hanno caratterizzato questa prima edizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *